i bambini e il mal d'auto

Bambini e mal d’auto. Consigli e rimedi per prevenire il “gomito”

Il mal d’auto, cinetosi o malattia del movimento per i più pignoli, colpisce i bimbi solitamente dai 2/3 anni in su, mentre risparmia i neonati, che tanto vomitano già di loro.

Perchè. Le cause della cinetosi

La cinetosi, da una spiegazione scientifica, si verifica perché il nostro cervello è programmato per anticipare il movimento in base a ciò che vediamo: il cervello riceve informazioni contrastanti da orecchie, occhi e terminazioni nervose. Il bambino seduto sul sedile posteriore dell’auto, a volte non vede bene la strada di fronte a sè; magari vede gli altri occupanti che però gli sembrano fermi… ma se il suo orecchio interno percepisce il senso del movimento e il suo corpo l’andamento della strada, le curve, i rettilinei, i dossi, etc, i suoi occhi e le sue articolazioni no. Avete capito? Io più o meno.

Quindi, la confusione tra ciò che vede e quello che sente lo nausea.  Stomaco in subbuglio, sudore freddo e gomito sono la diretta conseguenza.

Anche per me. Da quando è nato Cristian non ricordo di essermi seduta davanti, se non quando devo guidare (e menomale). Lui pretende che io stia lì vicino a lui. Lo so, colpa mia che non so farmi valere, però è così. E io patisco, patisco tantissimo… Se non viene da vomitare a Cri, state tranquilli che viene a me! Ma che ci posso fare? Alzi la mano chi non soffre la macchina!

Sintomi e avvisaglie della cinetosi

Abbiamo già visto sopra quali sono i principali sintomi della cinetosi che a me, personalmente, colpisce solo in macchina. E anche a Cri per fortuna. Infatti non abbiamo mai avuto problemi nè in aereo nè in nave!

Abbiamo parlato di sudorazione fredda, di senso di nausea (prima che arrivi il vomito vero), di apparente stanchezza. Cri, ad esempio, ha avuto un periodo, intorno ai due anni, che vomitava dopo 2 chilomentri circa. Il che era un problema. Un vero problema. Poi ha smesso, a parte casi estremi come i tornanti che portano al Lago di Carezza!

Ora, bello piccino, ha ricominciato. Ma in modo subdolo: lui sale in macchina e inizia: ho caldo, apri il finestrino, mi sento male, ma che noia, mi viene da gomitare, ho caldoma si è accorto che siamo ancora fermi o no?! Quindi, caro il mio bel Cricri, sappi che non ti crederò più quando vorrai gomitare davvero e non sarò lì pronta con asciugamani, scottex, salviette, vestiti di ricambio… Al lupo Al lupo è sempre attuale!

Come prevenire la cinetosi?

Ecco qua l’Esperto, che ci illumina su come prevenire il mal d’auto… E mi servono proprio questi consigli, dato che tra poco andremo in Sardegna e là le strade non sono proprio autostrade a 4 corsie!
Sentiamo un po’:

  • Guidare piano affrontando lentamente le curve, evitando di andare a singhiozzo ed evitando di inchiodare all’improvviso (proprio il contrario di come guido io…). Si rivelerà già molto importante per i passeggeri. Tutti i passeggeri…
  • Fare delle piccole soste durante il viaggio. Potersi fermare ogni tanto, per far prendere una boccata d’aria al bimbo (e a me), può essere un ottimo rimedio contro la nausea. Ma ogni tanto cosa vuol dire? A richiesta? No, perchè così non arriviamo mai più. Va beh…
  • Spuntino leggero prima di mettersi in viaggio: qui mi sento una buona madre, perchè prima di ogni partenza “importante” dico sempre a Cri di mangiarsi un pezzo di pane, o di focaccia (e un po’ di focaccia la mangio anche io, magari calda, con i buchi pieni di olio e sale…)
  • No a tablet, smartphone o libri. Grazie sig. Esperto! Da uno studio condotto da Ford è stato riscontrato come bastino solo 10 minuti con la testa abbassata verso uno di questi oggetti per avvertire immediatamente il senso di nausea. 10 minuti? A me bastano 10 secondi! E comunque ci siamo adoperati di staffa porta iPad da attaccare al poggiatesta anteriore così Cri si sente come al cinema!
  • Ascoltare musica e cantare. Sembra molto utile distrarre il  bimbo per evitare la nausea! Però lui vuole cantare solo Senza Pagare, Italiana e Despacito. Amen! Per fortuna sta imparando Amore e Capoeira!
  • Sedersi nel sedile posteriore centrale. Questa la sapevo, ma non abbiamo mai posizionato qui il seggiolino. Potremmo provare, ma io (obbligata a stare dietro) starei più scomoda. 
  • Tirare giù spesso i finestrini o mantenere l’aria condizionata (non a manetta per favore che poi mi ammalo) per garantire aria fresca. Solo che Cri vorrebbe entrambi.
  • Zenzero. Sotto forma di pasticche, gomme, biscotti o caramelle. Lo zenzero, infatti, è riconosciuto per la sua super azione anti nausea e digestiva. Questa, invece, non la sapevo. A me piace lo zenzero! 
  • Olio essenziale di menta. Qualche goccia su un fazzoletto di stoffa da poter annusare ogni tanto durante il viaggio. È un’ottima soluzione per combattere il mal d’auto e il mal di stomaco. Bello, mi piace!
  • Boccettina di Scleranthus. Beh, ma ha un nome fantastico, e mi si addice un sacco! E’ un fiore di Bach molto efficace contro la nausea. Qualche goccia sotto la lingua e via!
  • Braccialetti anti nausea. Devo andare a prenderli in farmacia… proviamo a mettere anche questi!
  • Dormire. Vero, cerco sempre di farlo dormire… ma mi addormento sempre prima di lui.
  • Sacchettini sempre a portata di mano. Io non ho sacchettini ma ho mille altre cose. Mi adopererò anche di sacchettini, sig. Esperto, così abbiamo tutto!
bambini e mal d'auto

E voi, avete altri consigli? Scriveteli nei commenti… più sappiamo meglio è! 

Buon viaggio (in macchina) e buone vacanze a tutti!

PS: ringrazio il sito Mammeacrobate da cui ho preso spunto per gli utilissimi consigli!

4 pensieri riguardo “Bambini e mal d’auto. Consigli e rimedi per prevenire il “gomito”

  1. Adesso ti dico una cosa che ti lascerà di stucco: non solo non ho mai sofferto l’auto ma quando ero piccola facevo spesso dei lunghi viaggi in auto con i miei genitori e per non annoiarmi mi premunivo di libri e album da colorare ahahah 😀 Spero che se un giorno avrò dei figli saranno come me! Ad ogni modo, i consigli contro la nausea mi sono utilissimi: purtroppo da un po’ di anni soffro di varie intolleranze e il mio stomaco è sempre in equilibrio precario, per cui avere qualche trick contro la nausea non è male, grazie mille!

    1. Ma beata te!! Mio marito ti vorrebbe come moglie mi sa!! Io mi sento male subito, oppure mi addormento! Però ora che ho scoperto sti trucchetti, tipo lo zenzero o i fiori di Bach, li proverò sicuramente! Ciao Elena!

  2. Anche io soffro di mal d’auto e come me mia figlia di 5 anni. Io mi trovo benissimo con lo zenzero candito, ma mia figlia lo odia. lo prova e poi lo sputa, già mettiamo in atto spuntino leggero, ricambi d’aria e qualche pausa ogni tanto con buona pace del mio compagno che sbraita perchè con tutte le soste arriviamo sempre più tardi del previsto. Non sapevo che scleranthus poteva essere utile per il mal d’auto, io prendo spesso i fiori di bach guna per diversi problemi e mi ci trovo abbastanza bene. Proverò anche i rimedi di bach, una domanda dobbiamo prenderli prima di partire o all’occorrenza? Grazie

    1. Ecco, sul quando prenderli mi trovi impreparata ma a logica direi prima di partire. Io ormai ogni volta che saliamo in macchina, anche per pochi km, a Cristian metto i braccialetti! Sarà psicologico, ma non ha più vomitato!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.