hellville-nosybe-madagascar

Nosy Be – Escursione delle Tre Isole.

Sono passati quasi tre mesi dalla nostra vacanza a Nosy Be e io, tutti i santi giorni, ci penso.

Mi è davvero rimasta nel cuore questa vacanza, per tanti motivi che non vi sto ad elencare ma che per me sono davvero importanti.

Vi ho già raccontato della nostra escursione a Nosy Iranja, vero? Vero. Allora oggi ve ne racconto un’altra.

Escursione delle tre Isole. Alla scoperta dell’arcipelago di Nosy Be.

Premetto che questa escursione non l’abbiamo fatta con i ragazzi dell’Andilana, perchè volevamo provare l’alternativa!

E’ facile: appena passata la sbarra (e le guardie) del resort vi trovate davanti ad una serie di baracchette, tutte con gli stessi souvenirs in vendita.
Le donne si occupano di venderti qualsiasi cosa (dopo 1 minuto mi chiamavano per nome -o quasi- “Cincia!! Cincia!! Cincia!!“), mentre gli uomini si occupano dell’organizzazione dei tours.

Organizzazine perfetta, direi. Ormai anche loro hanno la pagina Facebook per pubblicizzare le loro gite. Infatti io avevo già contattato un ragazzo qualche giorno prima, il quale mi aveva inviato programma dettagliatissimo e prezzi!

Sul posto ho scoperto che i tour operator (o beach boys che dir si voglia) sono tantissimi, ma i programmi e i prezzi sono uguali per tutti!

Fatto sta che abbiamo prenotato (naturalmente risparmiando più della metà) l’escursione delle Tre Isole per il giorno successivo

Nosy Vorona

La prima tappa è a Nosy Vorona, detta anche l’Isola che non c’è, perchè con l’alta mare sparisce. E non c’è più!

E’ un lembo di sabbia e roccia di una bellezza rara… come Cristian, del resto, che potete ammirare qui sotto in tutto il suo splendore, con l’espressione di una che proprio adora farsi fotografare 🙄🙄🙄

nosy-vorona-nosy-be-madagascar
Cri a Nosy Vorona con un’improbabile maschera…

Nosy Komba

Seconda tappa a Nosy Komba, detta anche Isola dei Lumuri (lemuri Macaco, per l’esattezza) che è una piccola isola vulcanica, situata tra Nosy Be e la costa nord-occidentale dell’isola madre.
È detta anche Nosy Ambariovato, che in lingua malgascia significa “isola circondata dalle rocce“.

Nosy-komba-nosy-be-madagascar
Cri con un lemure in testa!

Qui abbiamo fatto un giro nella foresta con una strampalata guida molto preparata, molto educata, molto gentile e molto balbettante!
Oltre a vedere queste simpatiche scimmiette abbiamo visto un sacco di altri animali, un sacco di vegetazione (piante di caffè, di cacao, di vaniglia… ci usciva un bel dolcetto), un sacco di belle persone!
Sono davvero belle persone i malgasci!

nosy-komba-nosy-be-madagascar
Geco (GattoBoy… Gufetta… scusate, ma non faccio altro che vedere PJMask)

A Nosy Komba non c’è elettricità, non ci sono strade, non ci sono macchine… solo pace e tranquillità. E lemuri.

Nosy Tanikely

Terza ed ultima tappa a Nosy Tanikely, che significa piccola terra ed è un parco marino protetto con una barriera corallina multiforme in posizione privilegiata, nella baia di Nosy Be.
Un piccolo atollo disabitato conosciuto a livello mondiale per la sua eccezionale biodiversità.

Obbligo: maschera, boccaglio e pinne, perchè là sotto c’è da restare incantati!

nosy-tanikely-nosy-be-madagascar

A Nosy Tanikely abbiamo fatto un ottimo pranzo, su di un tavolo costruito con la sabbia, seduti sulle panche costruire con la sabbia… i gamberoni, però, erano veri! Nessuna traccia di sabbia lì!

L’unica nota negativa della giornata è stata quella di condividere l’escursione con una piccola (ma chiassosa) comitiva di russi, che si sono rivelati cafoni, maleducati e non rispettosi dei luoghi che stavano visitando. Dimenticavo, si sono rivelati anche mooolto ubriachi.

Ma poco importa, di certo non sono riusciti a rovinarci questa stupenda giornata!

Un giretto ad Ambatolaka

Non c’è verso, non riesco a ricordami come si scrive questa complicata parola. Ambatolaka
La nostra guida, prima di riportarci al resort, ci ha fatto fare un giro per questo caratteristico paesino pieno di ristoranti, bar e locali (molti locali notturni)!

Quindi, se siete giovani e sfigliati vi consiglio di farci un giro la sera, così poi mi raccontate com’è! Io, se volete, possi dirvi dov’è la farmacia!!


In conclusione vi dico che in Madagascar ci tornerò. L’ho promesso a Cristian, e le promesse vanno mantenute, giusto?


Se avete bisogno di informazioni per quanto riguarda l’organizzazione delle varie escursioni (ci sono anche Nosy Iranja, gite in quad, in 4×4, foreste varie, eccetera) chiedetemi e vi risponderò con tutto quello che so!


Booking.com

14 pensieri riguardo “Nosy Be – Escursione delle Tre Isole.

  1. Prenotando coi tour operator locali si risparmia sempre 🙂 Il Madagascar è tra le mete che avrei in programma nei prossimi anni, mi consigli il soggiorno in villaggio?

  2. Che spettacolo! Non avevo mai preso in considerazione il Madagascar per le mie prossime mete, ma ora me ne hai fatto venire voglia! Se decido di andare mi permetto di chiederti un pò di info!

  3. Mi hai fatto davvero venire voglia di partire! Bello sapere che anche le guide locali ora hanno la pagina facebook…come cambiano i tempi!
    Da oggi seguiro’ il tuo blog 😉
    Giada

  4. Avete fatto bene a rivolgervi alle agenzie locali…Russi a parte 😉 immagino che essere accompagnati da guide del posto e competenti sia un valore aggiuntivo non indifferente! Mi attira tantissimo questa escursione, se un giorno dovessi visitare il Madagascar…la terrò sicuramente presente! Grazie! E poi…i lemuri!!!!

  5. Il Madagascar è il mio sogno da sempre!! Chissà se riuscirò ad andarci prima o poi, sicuramente tengo a portata di mano il tuo articolo, mi sembra una vacanza stupenda!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.